Comune di Faedis

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il tuo percorso: Ti trovi qui: Comune di Faedis  > Turismo > Itinerari turistici > Percorsi dedicati all'arte

ITINERARI TURISTICI

Percorsi dedicati all' ARTE

L'itinerario quì proposto prevede un giro tra le bellezze artistiche più suggestive del comune. Si inizia dalla chiesetta di Santa Maria Maddalena sopra Gradischiutta, raggiungibile solo attraverso un sentiero tra i boschi.
Dopodiché si passa a Sant'Elena, poco distante, costruita a qualche metro dal bivio per Costapiana.
Dalla chiesetta di Sant'Elena si scende fino ad arrivare all'inizio del sentiero che porta ai castelli di Zucco e Cucagna in Borgo Sant'Anastasia, che prende il nome da un'antica chiesa ora scomparsa.
Il sentiero che si percorre per arrivare ai castelli è quello originale costruito al tempo dell'edificazione dei manieri.
Terminata la visita ai castelli si prosegue per la chiesetta di San Pietro, chicca del patrimonio artistico faedese. L'edificio è collocato all'interno del borgo omonimo.
A qualche centinaio di metri di distanza troviamo la chiesetta di San Rocco.
Il sentiero che porta ad essa si prende all'inizio di Via Tarcento.
Se si desidera ci si può fermare nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, nella quale è custodito il bell'altare ligneo del '500, che un tempo era collocato nella chiesetta di San Pietro.
A questo punto si può scegliere se andare prima a Ronchis, a visitare le ville Freschi e Partistagno oppure dirigersi verso Campeglio, fermandosi prima a Collevillano a visitare la chiesetta di Santa Maria, per visitare i resti del castello di Soffumbergo a cui si arriva attraverso Via Castellana che si prende dalla strada comunale che porta a Raschiacco.


L'equipaggiamento consigliato consiste in un abbigliamento sportivo e scarpe da ginnastica, visti i sentieri che si devono affrontare per arrivare in alcuni luoghi.
La maggior parte del percorso è su strada, quindi praticabile senza problemi con l'auto, ma per gli amanti potrebbe essere adatto anche a qualche escursione in bicicletta o mountain-bike.  

Questo itinerario si presta particolarmente ad alcune soste nelle numerose cantine del comune (mettendosi prima in contatto con i produttori) o in qualche locale ad assaporare i gusti della buona cucina friulana e non.